QuanteScene! Oggi a quota 45K. Ci avreste creduto?

45K

Quattro anni fa, nell’aprile del 2017, cominciavo a pubblicare notizie su questo blog, che avevo deciso di intitolare QuanteScene!

Adesso, aprile 2021, gli Analytics (avete presente?) di QuanteScene! mi dicono che 45mila diverse persone sono approdate, da allora, su almeno uno di questi articoli.

Stimolanti sono anche le performance dei miei lettori. Percentuali come la frequenza di rimbalzo e la durata sessione media, che solo gli espertissimi sanno cosa sono.

Analytics aprile 2021 per QuanteScene!
Quarantacinquemila visitatori singoli in 4 anni di pubblicazione. E le visite, tra qualche mese, a centomila.

Ora: io so di milioni di visualizzazioni per alcuni video su YouTube, so di centinaia di migliaia di follower di certi siti. Non sono i risultati che mi proponevo. Tanto più con un blog di nicchia, un blog di cose che succedono nei teatri, che è modellato sui miei interessi, gli stessi che condivido con abbastanza poche persone.

Eppure, 45mila lettori… che sono poi gli abitanti di Mantova, più o meno, oppure di Lodi, di Frosinone. Un blog di provincia, insomma.

Mi fa però impressione sapere che tra questi 45mila ce ne sono alcuni che stanno in Etiopia, in Nigeria, nello Sri Lanka, o in Madagascar (questo almeno sostengono gli Analytics). Saranno pochi, pochissimi, magari uno solo. Però mi chiedo, e non so rispondere: ma quell’etiope, quella etiope, come mai saranno finiti qua, tra queste cose che succedono nei teatri italiani?

Questo è uno degli articoli più letti del blog, un’intervista a Ascanio Celestini, datata gennaio 2020.

Questo è il link al primo post di QuanteScene!

Questa infine è l’immagine che da quattro anni accompagna QuanteScene! È la foto scattata da Marcello Norberth alla prima scena di La vita è sogno di Calderon/Ronconi, Piccolo Teatro di Milano, gennaio 2000.

Ronconi - La vita è sogno

4 risposte a “QuanteScene! Oggi a quota 45K. Ci avreste creduto?”

  1. Per tua curiosità era il mio primo spettacolo a Milano come Direttore degli Allestimenti e quello splendido e pesantissimo fondale lo ha realizzato e dipinto un triestino: Sergio Tavagna.
    Luca e Margherita ne erano molto soddisfatti … e non è facile! Mi piace, ogni volta che apro il tuo blog, trovare questa immagine …… bene ora puntiamo al doppio 90K con buona gioia degli “Analytics” 😉

    1. Questa di Tavagna proprio non la sapevo. Grazie, si impara ogni giorno qualcosa. E grazie per la fedeltà al blog. L’indecifrabile controluce è la gamba di Andrea Jonasson. Se ci fosse l’audio, si sentirebbe “Ippogrifo violento…”.

  2. La curiosità è la guida più impertinente. Si finisce nella rete delle informazioni anche solo per vedere quanto è profondo il fondo e si vola sulle ali dell’albatro per vedere dall’alto quello che sta in basso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.