Isabelle Huppert è Ljubov’. Per lei, Čechov ha scritto Il giardino dei ciliegi

Svagata. Vulnerabile. Malinconica. Il volto intenso, i capelli rossi, la testa sempre altrove. Pensieri lontani, probabilmente ricordi che fanno male. Rari i sorrisi. Di tanto in tanto un entusiasmo infantile. Che poi si increspa e si tinge di amaro. Potrebbe essere così, Ljubov’ Andreevna, la protagonista di Il giardino dei ciliegi di Anton Čechov.  Invece è proprio lei. Isabelle Huppert.

Isabelle Huppert a Cannes
Isabelle Huppert a Cannes

La Huppert del cinema e del teatro. Così come l’abbiamo vista, così come appare, e come si è voluta raccontare in un incontro con il pubblico, il giorno dopo il debutto del Giardino al Teatro Grande di Pompei.

La Cerisaie – Il giardino dei ciliegi – regia Tiago Rodrigues – Pompei Theatrum Mundi – ph Marco Ghidelli

Conversazione un po’ riservata, vietate le macchine fotografiche, guai a qualsiasi cineoperatore. Lei vuole sempre così. Minuta, quasi a disagio su quella seggiola. Risposte gentili e distratte. Una maniera per evitare le domande, per dileguarle, se troppo personali. Creatura complessa. Giustamente attrice.

Non è facile immaginarla interprete del più scolpito, il più biografico forse, tra i personaggi femminili di Čechov. Pensarla protagonista di quel teatro che nasce e muore al tempo di Stanislavskij (e grazie a Stanislavskij). Difficile insomma collocarla là, lei Isabelle, sempre lontana da ogni realismo, aliena dalla psicologia del plausibile e del quotidiano. Mai convenzionale.

Nervosa e disturbata nei suoi film più noti, La merlettaia, Violette Nozière, La pianista. Inesorabile per Patrice Chéreau in Gabrielle (“voleva che tenessi la testa bassa, che esprimessi la mia sconfitta”). Fredda e rarefatta per Robert Wilson (Orlando e Mary said what she said, di cui ho scritto qui).

Regina distante di un cinema raffinato, introspettivo, feroce, ovviamente d’autore. E di un teatro astratto.

Isabelle Huppert - La Cerisaie - Il giardino dei ciliegi  - regia Tiago Rodrigues - Pompei Theatrum Mundi

“Non esiste un teatro psicologico. E se c’è, non è interessante”

A parlare di sé, la sollecita Roberto Andò, direttore del Mercadante – Teatro Nazionale a Napoli, che ha voluto questo spettacolo come ultimo appuntamento del cartellone di Pompei Theatrum Mundi.

A parlare della sua Ljubov’, la sollecita invece Tiago Rodrigues, regista portoghese e direttore fra due anni del festival di Avignone, che l’ha voluta in questo personaggio e in questa produzione internazionale. Un allestimento che non è realistico, non è psicologico, né quotidiano. Non è nemmeno cechoviano. È post-cechoviano.

La Cerisaie regia Tiago Rodrigues Pompei Theatrum Mundi foto Marco Ghidelli
La Cerisaie – Il giardino dei ciliegi – regia Tiago Rodrigues – Pompei Theatrum Mundi – ph Marco Ghidelli

“Anton Čechov ha scritto questo personaggio per Isabelle – sostiene Rodrigues – ma lui non l’ha mai saputo. Però lo sappiamo noi, ed è un vero peccato che non ci sia anche lui qui, a lavorare a questa messainscena”. Sembra un battuta. Non lo è.

Rodrigues è uno che si interroga sul tempo, sulla poesia e le dinamiche del tempo. Sa che un Čechov non può essere Čechov, oggi. Inevitabilmente è un Čechov che viene dopo, che avviene adesso.

“La cosa più difficile e la più interessante, per un regista, è convocare in scena, qui e ora, la poesia”.

“In questo lavoro – le fa eco Rodrigues – si parla di una vecchia casa che viene venduta. Ma la storia ci interessa poco. A interessarci, come dice Isabelle, è una successione di stati d’animo. Il Giardino è uno spettacolo sulle trasformazioni”.

Così non è necessario che i personaggi dialoghino tra di loro. Si rivolgono infatti preferibilmente al pubblico. In lingua francese, sottotitolata. 

Così non è necessario che siano vestiti alla russa (o nel tipico e strehleriano bianco Čechov) né che sembrino russi. E’ una tavolozza di provenienze questa compagnia, e di colori degli abiti e della pelle.

Alex Descas interpreta Gaev (che nella storia è il fratello di Ljubov’) ed è nerissimo, con le radici nelle Antille. Black anche le figlie di lei, Anja e Varja (Alison Valence e Oceanografie Cairaty) . Lopachin, il contadino, il mugik, che acquista il podere dove suo padre era servo della gleba, pure lui, Adama Diop, è senegalese.

Isabelle Huppert - La Cerisaie - Il giardino dei ciliegi  - regia Tiago Rodrigues - Pompei Theatrum Mundi - ph Marco Ghidelli

Non è necessaria neppure una scenografia: a fare da sfondo possono essere gli archi della Cour d’Honneur del Palazzo dei Papi a Avignone, dove lo spettacolo si è visto per la prima volta a metà luglio. Ma anche le rovine di Pompei, dove è arrivato adesso, subito dopo. 

Molte seggiole in scena. Anzi, solo seggiole. Da muovere, da accatastare, qualche volta da lanciare, in un momento di rabbia. Tre piattaforme mobili scorrono avanti e indietro, e sorreggono lampioni: una quindicina di lampadari diversi, di cristallo, dalle mille gocce, dai mille riflessi. I famosi ciliegi, sostiene qualcuno. Non necessariamente. Non è un Čechov di metafore questo.

Adama Diop e Isabelle Huppert in La Cerisaie Regia Tiago Rodrigues Pompei Theatrum Mundi - ph Marco Ghidelli
Adama Diop e Isabelle Huppert in La Cerisaie Regia Tiago Rodrigues Pompei Theatrum Mundi – ph Marco Ghidelli

Poi la musica, molta musica, dal vivo, che si trascina a lungo. Così come Angelo Ripellino, in un saggio che tutti dovrebbero leggere, spiegava il trascinarsi indolente della giornate delle commedie di Čechov. 

“La musica l’aveva prevista l’autore – spiega Rodrigues – ma solo all’inizio del terzo atto. Per noi invece si espande, esonda, e invade tutto lo spettacolo, con canzoni che abbiamo composto apposta”. I testi sono dello stesso Rodrigues, le partiture di Hélder Goncalves che le suona dal vivo.

Chitarra rock, percussioni e canto corale festeggiano al primo atto il ritorno di Ljubov’, che eccita tutti. “Le retour, le retour…” Sempre cantando in coro si assiste alla sua partenza, il lungo addio del quarto atto, Ça va changerÇa va changer…”.

La Cerisaie- regia Tiago Rodrigues - Pompei Theatrum Mundi ph Marco Ghidelli

“Non è un testo sulla fine di un’epoca”

Non è un testo sulla fine di un’epoca” – ripete Rodrigues – almeno come l’intendo io, è un saggio sul cambiamento, su come si continua a vivere dopo un trauma.”  E la vita dopo un trauma, dopo la catastrofe, pare un buon argomento, oggi.

Un Giardino post-cechoviano, quindi. Ma non non irrispettoso. Čechov rimproverava a Stanislavskij regista di aver fatto durare 40 minuti il quarto atto: il doppio dei venti da lui previsti. Qui, a Pompei, sono esattamene venti. 

E il vecchio Firs li chiude clownescamente. Molto più di qualsiasi vecchio Firs che io abbia visto. Si distende a terra, e invece di addormentarsi, muore, quasi per sbaglio. È probabile che Čechov l’avesse pensata così. Sornione.

E che così l’avesse scritta, per noi spettatori del 2021.

– – – – – – –

LA CERISAIE

Avec Isabelle HuppertIsabel AbreuTom AdjibiNadim AhmedSuzanne AubertMarcel BozonnetOcéane CairatyAlex DescasAdama DiopDavid GeselsonGrégoire MonsaingeonAlison Valence
Et Manuela Azevedo, Hélder Gonçalves (musiciens)

Texte Anton Tchekhov
Traduction André Markowicz et Françoise Morvan
Mise en scène Tiago Rodrigues
Collaboration artistique Magda Bizarro
Scénographie Fernando Ribeiro
Lumière Nuno Meira
Costumes José António Tenente
Musique Hélder Goncalves (composition), Tiago Rodrigues (paroles)
Son Pedro Costa
Production Festival d’Avignone, Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Fondazione Campania dei Festival – Campania Teatro Festival, Odéon-Théâtre de l’Europe

– – – 

Made in Nico Pepe. Da Udine al resto della penisola, l’invasione degli ultrapepi

Fino a un decennio fa erano pochi esemplari. La prima generazione. Poi si sono moltiplicati. Ora li trovi ovunque. Festival. Rassegne. Stagioni. Non conti quasi più le loro produzioni. Cresciuti e diplomati dalla “Nico Pepe” – l’accademia teatrale che ha sede a Udine – sono qualcosa come un fenomeno.

Accademia Nico Pepe Udine – allievi in prova

Nico Pepe, chi è? chi era?

Sospetto che siano pochi oramai quelli che sanno chi era Nico Pepe. Se date un’occhiata a Google o Wikipedia, potrete scoprire che il suo nome è al centro di una costellazione nella quale trovano posto tanto l’Arlecchino di Strehler quanto Riso amaro di De Santis. Tanto Fritz Lang quanto lo Stabile di Torino. Nico Pepe – nato nel 1907, scomparso nel 1987 – aveva vissuto fino in fondo la stagione grande del teatro e del cinema del ‘900.

Ma a chi fa, e a chi vede teatro oggi, il nome di Nico Pepe racconta invece altro.

Racconta di attori che si sono formati nell’accademia teatrale di Udine, la città dove Nico Pepe era nato, e che oggi porta il suo nome. Racconta di compagnie che sono andate a formare la generazione recente del teatro italiano: Carrozzeria Orfeo, Vico Quarto Mazzini, Kepler 452, per fare nomi fra i più riconoscibili, ma aggiungerci subito dopo La Ballata dei Lenna, Scena Nuda, il più solistico Alex Cendron, il più internazionale Matteo Spiazzi. Per arrivare alle formazioni più recenti, che si fanno strada a forza di progetti e date da costruire giorno per giorno: L’Amalgama, ArtiFragili, per esempio. Fino ai nuovi battezzati dal diploma triennale, che già si organizzano per un’onorevole entrata nel mercato. Della professione teatrale, intendo.

Carrozzeria Orfeo - Miracoli metropolitani - ph Laila Pozzo
Carrozzeria Orfeo – Miracoli metropolitani – ph Laila Pozzo

La generazione recente

Davvero non so se qualcosa accumuna il cinismo sornione con cui Carrozzeria Orfeo intesse le sue storie di instabilità umana (da Thanks for vaselina al recente Miracoli metropolitani) e la fuga nell’inesplorato assurdo di Daniil Charms, che ha fatto la fortuna di L’Amalgama (Saduros è un titolo, ma è anche un anagramma).

E non so se l’assai responsabile lavoro d’interprete che Alex Cendron porta avanti da anni (e si esprime adesso in Aquile randagie), sia lo stesso che Manuel Macadamia ha esercitato nella ricerca liquida da cui è nato il progetto multipiattaforma Lux. O lo stesso che Massimiliano di Corato mette nel teatro di narrazione di La nave dolce. Per non dire della particolare strada su cui si sono messi Nicola Borghesi, Paola Aiello, Lodo Guenzi.

epler 452 - Capitalismo magico - Nicola Borghesi e Lodo Guenzi
Kepler 452 – Capitalismo magico – Nicola Borghesi e Lodo Guenzi

So invece che che il sigillo d’autenticità “Nico Pepe” è presente in tutti i loro curricola. E sempre più spesso lo vedo apparire anche nelle manifestazioni che segnalano nuove vocazioni di scena (come l’annuale Premio della rivista Hystrio). Lo ritrovo nei titoli che appaiono nei cartelloni dei festival che fanno scouting teatrale (In-Box, a Siena è uno di questi, ma anche Primavera dei Teatri a Castrovillari lo fa). E ciò mi riporta ad altri dei giovani nomi che ho visto crescere nella Nico Pepe. 

Non è quindi un caso o una fortunata evenienza, se l’accademia di Udine sempre più spesso riesce a certificare talenti come faceva, fino allo scorso decennio, una didattica del teatro che aveva i suoi punti di riferimento solo a Roma e a Milano.

Lontano dalle metropoli, forse si studia meglio: più concentrazione, meno stimoli distraenti, e un punto di vista che non è solo quello concorrenziale. Chiunque voglia fare l’attore o l’attrice sa bene che l’offerta supera di molte misure la domanda. La diffusione, l’invasione direi, dei “Nico Pepe” ha insomma le caratteristiche del fenomeno. 

L'Amalgama - Saduros - Caterina Bernardi e Gilberto Innocenti
L’Amalgama – Saduros – Caterina Bernardi e Gilberto Innocenti

Un festival per la “Nico Pepe”

Per sottolinearne la portata, proprio in questi giorni l’Accademia udinese chiama a raccolta molti dei suoi ex allievi, e per loro, e con loro, mette assieme un festival. Indispensabile anche come momento di incontro per tutti coloro che, dopo il diploma, hanno intrapreso percorsi nomadi. Come ai tempi della Commedia dell’arte.

Fino al 26 luglio il SAFest (Summer Academy Festival) mette in cartellone a Udine i risultati che questi giovani artisti hanno conseguito in due anni di lavoro teatrale, segnati dalle strette della pandemia, ma anche dagli sforzi fatti per uscirne. È un cartellone pieno di appuntamenti (li trovate elencati qui) e schiera molti nomi di compagnie in progressiva crescita. Come Sclapaduris (Attenti al loop), Collettivo Museco (Peregrinationes), Atlante (Do ut des), o la compagnia Raimondi-Iagulli (Opera Popz).

Sclapaduris  - Attenti al loop, anatomia di una fiaba
Sclapaduris – Attenti al loop, anatomia di una fiaba

Serata particolare poi, quella di domenica 25, quando, con tutti loro e sotto la guida di Julie Stanzak, prenderà avvio una Nelken Line, infinta sequenza in ricordo di un’invenzione indimenticabile di Pina Bausch. Una serpentina di gesti che si snoderà per il centro della città: l’invasione degli ultrapepi, praticamente.

Biennale Teatro 2021. Venezia è blu. Non ostinatevi a guardare il grigio.

Si conclude oggi a Venezia l’edizione 2021 della Biennale Teatro. Sempre un buon punto di osservazione per ciò che accade sulle scene europee. Quelle più interessanti. E non solo.

AB IMIS / iolagemmainnestai di Stellario di Blasi / ©Andrea Avezzù
AB IMIS / iolagemmainnestai – Stellario di Blasi / ph©Andrea Avezzù

Blu dappertutto. È blu, insolitamente, l’acqua della laguna mentre il vaporetto mi fa scivolare vicino all’isola di San Giorgio. Sono blu le strisce di vernice che Stellario Di Blasi si spruzza sul corpo, modellato e performante, di fronte a una facciata bianchissima, in campo Santo Stefano. E blu of course è il catalogo di un buon chilo e trecento pagine che accompagna, con un onorevole sforzo editoriale, questa Biennale Teatro 2021.

Blu equivale a libertà. Lo scrivono Stefano Ricci e Gianni Forte, direttori alla prima tappa del loro Festival internazionale di teatro. Che nonostante le intenzioni anche quest’anno è andato incontro a restrizioni. Purtroppo.

Il G20 dei grandi del pianeta ha sequestrato i tradizionali spazi della Biennale dal vivo e blindato gli alberghi con carabinieri e polizia.

La finale di Coppa va a cascare proprio sulla giornata finale, mentre le temperature, anche quella emotiva, precipitosamente salgono.

L’epidemia per niente domata costringe ad alcune rinunce d’artista. E rende burocraticamente faticosa la visione agli spettatori: termocontrollati, tracciati in digitale, mascherinati, distanziati, tutti ci accomodiamo sulle nostre seggioline, diligenti e mesti, anche all’aperto, mentre su vaporetti, in negozi e locali pubblici, prevale la regola della calca.

L’esuberante gruppo di spagnoli, che sotto il ponte di Rialto, verso mezzanotte, sembra voler danzare la zarzuela con i boccali di birra in mano, fa almeno colore. Così Venezia torna ad essere la Disneyland d’Italia. Con grande scorno del poco distante parco tematico sul Garda. Che vive di misure di sicurezza.

Hard to be a God di Kornel Mundruzco / ©Andrea Avezzù
Hard to be a God di Kornel Mundruzco / ©Andrea Avezzù

Un festival è un festival è un festival

Scrivo parecchie sciocchezze, lo so. Ma un festival è un festival è un festival è un festival. E in un festival l’atmosfera conta. Lo sanno bene i festival atmosferici, come Santarcangelo (pure lui in corso) o Spoleto (idem) o Mittelfest (quest’anno partirà a fine agosto), dove il posto e la gente fanno evento, magari più che gli spettacoli.

Biennale Teatro 2021 tiene comunque fede al mandato e ci ragguaglia su ciò che il teatro europeo costruisce di più interessante. Quando dico interessante, uso l’espressione in modo personale. In pratica: a me interessa poco vedere spettacoli ben fatti, che sembrano però essere nati nel secolo scorso. Guardo piuttosto nella direzione di ciò che odora d’oggi e di futuro. Ciò che segnala nuove strade, o le indica almeno come probabili.

Perciò le scelte principali di Ricci e Forte mi sono sembrate giuste. Il polacco Krzysztof Warlikowski, l’ungherese Kornél Mundruczó, il tedesco Thomas Ostermeier. Tre bei nomi, in grado di scansare la modellizzazione franco-britannica e di ricordarci che il significato della parola regia va cambiando. Eccome. Tanto per dire: la scelta del portoghese Tiago Rodriguez alla direzione del Festival di Avignone è un altro segno.

Il tema regia è parecchio movimentato (ecco: interessante, appunto) e sono contento di averne parlato pure altre volte in questi post e in un recente articolo su Hystrio. Anche i registi della attuale generazione cinquantenne mi paiono aver abbandonato il formato della regia tardo novecentesca, a favore di materiali di racconto (o di non-racconto) che non hanno bisogno di rifarsi al canone teatrale classico (da Shakespeare in giù) né di fare appello all’incidenza politica del teatro (uno dei canoni novecenteschi, da Brecht in poi).

Cinema, libri, fotografia, poesia, canzoni, tecnologie audiovisive, sono il contemporaneo nutrimento.

Qui A Tué Mon Père - ph ©JeanLouisFernandez
Qui A Tué Mon Père – ph ©JeanLouisFernandez

Se lo dice Ostermeier

Lo dice con chiarezza Ostermeier. Rispondendo a una domanda di Andrea Porcheddu sul valore politico del lavoro che ha presentato a Venezia, assieme allo scrittore Edouard Louis, il regista sostiene che in termini politici il teatro non sposta una virgola. A lui interessa invece lavorare su storie e temi che lo colpiscono, che abbiano adesso e qui una necessità. Che movimentino i pensieri, oggi. E Qui a tué mon père (libro di partenza e interpretazione sono di Louis, la regia è di Ostermeier) parla appunto di qualcosa che non è politico nel senso che abbiamo avuto davanti agli occhi decine se non centinaia di volte visto (alla Milo Rau, tanto per capirci). Né solo individuale, per quanto sia autobiografico. Ma ci riguarda come collettività pensante.

Incide sulla percezione contemporanea della sessualità, per esempio. Ci interroga sui modelli di genere e mostra con precisione cosa sia la mascolinità. Quella tossica. Lo fa raccontando il rapporto tra un padre e un figlio. Dove a essere sbagliato, non è il figlio gay, ma il padre omofobo. Spettacolo che non va sicuramente a piacere a coloro che osteggiano (o furbescamente mediano sul Ddl Zan). Ma quelli a teatro mica ci vanno. Che gliene importa.

Qui A Tué Mon Père - ph ©JeanLouisFernandez
Qui A Tué Mon Père – ph ©JeanLouisFernandez

Se lo dice Mundruczó

Anche lo spettacolo di Kornél Mundruczó, testa pensante e bella del cinema e del teatro di oggi, sembrerebbe parlare di politica. Tra gli spettatori, molti sollevano il fantasma di Viktor Orbán, anche se lo spettacolo ha debuttato una decina di anni fa e Mundruczó vive a Berlino.

Il sapiente regista ungherese (Imitation of life, vedi qui, è davvero uno dei capolavori del decennio) mi sembra piuttosto deciso a preparare uno splatter farcito di sfruttamento della prostituzione, torture, pratiche abortive, sangue finto a fiotti (a tratti perfino ingenuo come i film horror degli anni ottanta). Lo confeziona dentro a una storiella di fantascienza e di fantapolitica e lo intitola : Sapessi com’è difficile essere un dio (Hard to be a God). Abbastanza ironico, non pare anche voi?

Hard to be a God di Kornel Mundruzco / ©Andrea Avezzù
Hard to be a God / ph ©Andrea Avezzù

Anche lui, interrogato sul messaggio politico che vorrebbe tramettere agli spettatori, dichiara: “Non credo di dover trasmettere nemmeno una parola. Sono loro che devono mettere insieme una storia”. E a lato aggiunge: “Direi che il 2020 ha cambiato il mio approccio alla vita. Le ha dato una visione più chiara di ciò che è davvero importante e di ciò che non lo è”. Se non è chiaro cosi.

Hard to be a God di Kornel Mundruzco / ©Andrea Avezzù
Hard to be a God / ph ©Andrea Avezzù

Warlikowski e il suo We are leaving non sono riuscito a vederli. L’ho incontrato altre volte però al Premio Europa per il Teatro e ho visto una manciata dei suoi spettacoli. Direi che mi posso fidare. Interessante anche lui. Se poi si ritrova in mano il Leone d’oro della Biennale Teatro 2021, una ragione ci sarà.

Basta un po’ di Google, no?

Non posso nemmeno parlarvi di Kae Tempest, che è autor*, poet* e artist* discografic* (gli asterischi li ho messi apposta, e anche un po’ a caso, ma ci stanno, eccome). Alla fine ho dovuto abbandonare il blu di Venezia in fretta e furia. Ma saranno sicuramente in tanti a parlarne. Basta un po’ di Google, no?

Conclusione banale di questa nota, decisamente lunga. Se avete bisogno di sciropparvi ancora uno Shakespeare, un Pirandello, un Beckett, o una regia ben fatta, abbonatevi pure alla stagione del teatro sotto casa. Da quelle parti di solito si vede tutto grigio. Se siete invece curiosi di sapere dove va il teatro, e che posto avrà nel nostro vivere nei prossimi dieci anni, tornate a Venezia il prossimo anno. Potreste restare sorpresi.

Com’era bello far l’amore (da Trieste in giù). La mappa amorosa di Raffaella Carrà

Trieste, all’inizio del Novecento, era cara al cuore degli italiani per le bandiere tricolori e irredentiste. Ben altre bandiere, verso la fine del secolo breve, fecero tornare Trieste alla ribalta.

A sventolare la bandiera di un amore più libero fu lei, che oggi ci ha lasciati. “La mia vita è una roulette, i miei numeri tu li sai” diceva la prima strofa della sua canzone del 1978, in Italia forse la più famosa di Raffaella Carrà . “Il mio corpo è una moquette, dove tu ti addormenterai”, aggiungeva la seconda.

Raffaella Carrà's Line

Subito dopo il ritornello, che stampò la città con “l’identità di frontiera” (Magris) nelle aspettative erotiche di tutti gli italiani. E delle italiane.

Com’è bello far l’amore da Trieste in giù 

L’importante è farlo sempre con chi hai voglia tu“, precisava la rima. Raffaella Carrà ne faceva una questione di latitudine. Era solo a meridione del parallelo di Trieste che gli italiani cominciavano a dar prova della loro prestanza. La famosa Raffaella Carrà’s Line: le performance migliori, solo sotto il 45° parallelo.

Più a nord solo patetici tentativi? Tutti scarsi a Udine, a Belluno, a Trento, a Bolzano? Certo che no. Ma era solo da Trieste in giù che la cosa diventava più bella e più intensa.

E Raffaella, vera figlia dei fiori (neanche 25 anni aveva nel ’68) ci aggiungeva l’impegno pacifista, quello di Joan Baez e di Bob Dylan. Fate l’amore, non la guerra. E fatelo a letto.

“Ma girando la mia terra, io mi sono convinta che, non c’è odio non c’è guerra, quando a letto l’amore c’è”.

Tanti auguri, a chi tanti amanti ha

Secondo Raffaella Carrà non era importante che il partner fosse “di campagna o di città“. Lei, cuore vagabondo, regole non ne aveva: bastava piacersi.

Il motivo per la quale amai questa canzone, era ancora un altro però. Non perché sono nato a Trieste. Ma perché certe amiche, un po’ rigide, si indignavano quando prendevo un po’ in giro le sofferenti d’amore, quelle lasciate da fidanzati, mariti e amanti. Donne che si struggevano mesi e mesi per essere state scaricate. E vivevano una rottura come una vedovanza. Ferme là, a piangersi addosso.

E se ti lascia lo sai che si fa?

Raffella, la risposta ce l’aveva pronta. E io con lei. “Trovi un altro più bello, che problemi non ha”. Una maestra di vita, insomma.

Perciò anche adesso che Raffaella e il suo casco biondo non ci sono più, continueremo a raccomandarlo a tutti gli italiani e le italiane. Non fa niente se abitano più a nord di Trieste.

Raffaella Carrà versione spagnola. Più malandrina